626 sicurezza sul lavoro | Macchine Agricole | Appartamenti Verona | Fancobolli da collezione


STORIA del vino Botticino
Il Botticino ha la sua zona di produzione in una ristretta area delle colline rocciose orientali bresciane, nei territori dei comuni di Botticino, Brescia e Rezzato. In questa zona la viticoltura e' praticata fin da tempi antichissimi. Qui, infatti, la presenza della vite risale addirittura a cinquemila anni prima di Cristo, come testimonia il rinvenimento, avvenuto nella provincia di Brescia, di alcuni reperti fossili della "vitis silvestris", antenata della "vitis vinifera sativa".
Il Botticino prende il nome dal comune omonimo a cui e' unito da un legame indissolubile. Nell'economia locale questo vino ha avuto sempre un ruolo di notevole importanza ed il suo commercio, come attestano numerosi documenti, era gia' fiorente prima del XIX secolo. e' da notare, pero', un certo ritardo nell'attribuire al Botticino il meritato apprezzamento. L'ottenimento della Doc, nel 1968, ha risposto all'esigenza di salvaguardare il valore di questo vino legato strettamente alle caratteristiche dell'ambiente, alla fortunata combinazione tra la natura dei terreni e la qualita' dei vitigni prodotti. A buon diritto gli intenditori lo confrontano, oggi, con i piu' famosi vini italiani, senza pericolo che di fronte a quelli sfiguri.

DATI COMMERCIALI  del vino Botticino

Strutture di produzione:
26 produttori.
Numero ettari iscritti: 33.
Quantita' max producibile: 2.772 hl.
Quantita' prodotte: 603 hl.
Strutture associative: Consorzio Tutela Vini Bresciani Doc, 61, via Vittorio Emanuele II, 25100 Brescia BS - Tel. (030) 52098
Data di costituzione: 1962
Numero associati al 30/09/1989: 22.

SPECIFICHE DOC  del vino Botticino

Zona di produzione:
in tutto o in parte i territori dei comuni di Botticino, Rezzato e Brescia. Sono da considerarsi idonei unicamente i vigneti pedecollinari e collinari di buona esposizione, situati ad una altitudine non superiore ai 500 metri s.l.m. con esclusione dei terreni pianeggianti, freschi, profondi.
Vitigni: Barbera 30-40%, Schiava gentile (media e grigia) 20-30%, Marzemino (Berzamino) 15-25%, Sangiovese 10-20%.
Resa massima per ha: 120 qli.
Resa massima di uva in vino: 70%.
Gradazione alcolica minima: 12%.
Acidita' totale: 5-7 per mille.
Estratto secco netto: 21-27 per mille.
Ceneri: 2-2,7 per mille.
Invecchiamento obbligatorio: 10 mesi.
Caratteristiche organolettiche: colore rubino carico con riflessi granato, brillante; profumo vinoso, intenso, leggermente etereo se invecchiato; sapore caldo, pieno, giustamente tannico.
Qualificazioni: nessuna.
Tipologie: nessuna.
Abbinamenti :zuppe dense di verdure e legumi, polenta con sughi saporiti, piatti della cucina montanara; arrosti di carni bianche e rosse.

Contatti: 1461
Aggiunto: 2006-03-07 17:57:07

Il portale delle PMI
Directory
Notizie sulle aziende
Cerca in News Aziende